Come due gocce nell’arcobaleno, uno young adult con finale a sorpresa…

da Il trio delle meraviglie
177 viste

Il libro “Come due gocce nell’arcobaleno” è stato scritto da Amber Smith, scrittrice americana (North Carolina) che da sempre combatte contro la violenza e a favore dei diritti LGBTQIA+. Scrivendo i suoi libri cerca di stimolare la discussione su questi argomenti, sperando di favorire una cambiamento nella società.

E’ un libro di narrativa contemporanea, l’autrice è una scrittrice di “young adult”. La storia è narrata dai punti di vista dei due personaggi, infatti i narratori sono interni.

Chris e Maia sono due adolescenti completamente diversi ma nel piccolo anche simili. Chris è un ragazzo transgender che dopo essere stato picchiato da alcuni bulli della sua scuola a New York viene rinchiuso in casa dal genitori che vogliono proteggerlo. Il ragazzo però ha bisogno di svagarsi e di vivere la sua vita scoprendo chi è realmente, così i genitori lo portano in una cittadina nella provincia americana a vivere con la zia per i mesi estivi.

Maia invece è una ragazza che dopo la morte della sorella Mallory cambia completamente. Sta sempre da sola e cerca di allontanarsi dalle sue migliori amiche. Mallory era una fotografa e anche se negli ultimi anni le due non erano molto legate, Maia cerca di riscoprire i luoghi di tutte le sue fotografie per rifare gli scatti e sentirsi vicina a lei. Maia non riesce a parlare di come si sente con nessuno.

Insomma per i due non è il momento giusto di pensare all’amore ma la cosa è inevitabile. I loro primi incontri non sono dei migliori e all’inizio non riescono neanche a guardarsi in faccia, ma entrambi non pensano ad altro che l’uno all’altra.

Nasce la storia d’amore, una di quelle che pensi dureranno a vita. Maia riesce ad aprirsi quasi completamente e Chris pure, si confortano a vicenda e passano momenti bellissimi insieme. Ma purtroppo la loro storia è basata su una bugia che porta ad ulteriori litigi.

Abbiamo trovato il libro molto bello, la lettura è scorrevole e la storia ben costruita. Siamo sorprese del finale inaspettato di cui siamo rimaste male solo in parte, anche se un po’ ce lo aspettavamo…

I temi morali trattati sono importanti e pensiamo che tutti dovrebbero seguirli, per questo consigliamo il libro ad altri lettori.

Peccato che la traduzione, essendo l’originale in inglese, non sia delle migliori.

Emma Timinti, Elisa Leoni, Cloe Romagnoli

Articoli correlati